Dopo 36 anni riapre al pubblico l'Antiquarium degli scavi di Pompei. Realizzato nel 1870 da Giuseppe Fiorelli, bombardato nel 1943, riallestito nel 1948 da Amedeo Maiuri e chiuso nel 1980 in seguito al terremoto, il 28 Aprile 2016  si inaugura nella sua nuova veste di visitor center e spazio museale.

 

Un luogo di accoglienza e conoscenza per approfondire la storia della città dalle sue origini al 79 d.C., attraverso nuovi allestimenti museali e multimediali, spazi dedicati alle mostre, percorsi di realtà virtuale immersiva per rivivere l’esperienza tragica dell’eruzione e la vita quotidiana dell’epoca, e un nuovo e moderno bookshop.

 

Negli spazi riservati alle mostre, l’esposizione permanente "Sacra Pompeiana" dedicata ai luoghi di culto della Pompei pre-romana e una mostra temporanea "Per grazia ricevuta. La devozione religiosa a Pompei antica e moderna", aperta fino al 27 novembre 2016, che approfondisce il tema del rapporto tra l'uomo e il divino. Un excursus dal mondo antico pagano a quello cristiano, attraverso anche un confronto di reperti provenienti dagli scavi e dal santuario della Beata Maria vergine del Santo Rosario di Pompei.

 

Il percorso espositivo dell’Antiquarium continua nella vicina Villa Imperiale, lussuoso edificio del I sec. D.C., mai prima aperto al pubblico, dove sono riproposte ricostruzioni di ambienti domestici dell’antica Pompei.

 

Preview e inaugurazione 28 aprile alle ore11.

Ingresso di Porta Marina Superiore

 

 

Intervengono:

                                                             

·       Massimo OSANNA - Direttore Generale Soprintendenza Pompei

·       Gen. D. CC Luigi Curatoli – Direttore Generale del Grande Progetto Pompei

·       Giuseppe LEPORE - Presidente del Centro Europeo Turismo e Cultura

·       Mons. Tommaso CAPUTO - Arcivescovo Prelato e Delegato Pontificio per il Santuario della Beata Maria Vergine del Santo  Rosario di Pompei

·       Guido Savarese - Amministratore unico del Consorzio Arte’m
 

- scarica cartella stampa
  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks