Il Grande Progetto Pompei, attraverso l' adozione di una metodologia di elaborazione e gestione del  Progetto e della realizzazione dei lavori  fortemente innovativa, di una metodologia scientifica di conservazione che privilegia l' approccio sistematico e “manutentivo” per ripristinare le condizioni di conservazione, in coerenza con le “ Linee guida per la conservazione del patrimonio archeologico” del Consiglio Superiore per i Beni culturali e paesaggistici, si sviluppa in 5 Piani Operativi:

  • Piano della conoscenza: prevede interventi di rilievo, indagine e diagnosi, individuazione analitica dei fabbisogni (criticità, problemi strutturali e di restauro) per tutte le insulae e progettazione degli interventi prioritari. Indagini diagnostiche funzionali agli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico
  • Piano delle Opere a progettualità avanzata: prevede la realizzazione dei 39 progetti già redatti dalla SANP relativi alla mitigazione del rischio idrogeologico, messa in sicurezza, restauro architettonico e restauro decorativo e un "Piano delle nuove opere da progettare" che interessa le aree complementari a quelle degli interventi delle opere con progettualità avanzata e riguarda i lavori di messa in sicurezza, restauro architettonico e decorativo per interventi progettati con il Piano della Conoscenza
  • Piano per la fruizione, il miglioramento dei servizi e della comunicazione: lavori di ampliamento, recupero, valorizzazione e qualificazione dei percorsi di visita e delle aree verdi; il miglioramento della segnaletica, dell’informazione e della promozione dell’area archeologica
  • Piano della Sicurezza: prevede lavori per il potenziamento e l’estensione del sistema di videosorveglianza e per la messa in sicurezza degli impianti
  • Piano di rafforzamento tecnologico e di capacity building: prevede l’adeguamento delle dotazioni e delle attrezzature tecnologiche funzionali alle indagini e al monitoraggio del sito e delle sue strutture ed il miglioramento delle capacità gestionali, organizzative, operative e delle competenze tecniche della SANP

 


  • Pompei archaeologica. Progetto di conservazione e fruizione del patrimonio archeologico”, a cura di R. Cecchi , MIBAC Roma 2011



 

  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks