Pompei, Insula Occidentalis: Casa del Bracciale d’Oro



Durante gli anni 2013 e 2014 nell’Insula Occidentalis di Pompei nell’area del giardino della Casa del Bracciale d’Oro (VI 17, 42) sono stati impostati quattro saggi – in collaborazione con l'Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli - volti a comprendere le fasi di realizzazione e fruizione di questo tratto esterno alle mura della città di Pompei.
Tramite indagini presso le fondazioni dei muri di recinzione del giardino è stato possibile fissarne la fase di edificazione alla seconda metà del I secolo a.C.



I saggi condotti nel 2014 hanno preliminarmente confermato le fasi di utilizzo e decorazione degli ambienti gravitanti nel giardino all’interno di un arco cronologico compreso tra la piena età augustea (corrispondente all’occupazione e superamento della linea esterna delle mura) e quella
flavia (cui va riferita l’ultima decorazione pittorica e monumentale degli ambienti ivi gravitanti).
Le stratigrafie più antiche risalgono ad un orizzonte ascrivibile ai primi decenni del I secolo a.C. con l’intercettazione di attività di fruizione di questo tratto esterno alle mura in relazione all’utilizzo dell’accesso esterno alle mura (Porta Occidentalis) e ai materiali di carattere sacro riferibili ad un edificio religioso extra moenia dedicato ad una divinità femminile (Minerva Italica).



Funzionario archeologo referente: Annalisa Capurso
 
  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Live Bookmarks